Com’è la situazione adesso in Cina? Al netto delle perplessità, i bollettini ufficiali dicono che il Dragone ha messo una bella museruola al Covid-19. Gli ultimi numeri parlano di 31 nuovi casi e appena 4 decessi. Intanto la curva epidemiologica continua a scendere. Da settimane, ancor prima di allentare la presa sulla provincia infetta dello Hubei, il governo ha riaperto le fabbriche. Soltanto da pochi giorni, precisamente dall’8 aprile, è terminata la quarantena di Wuhan, megalopoli epicentro del contagio.

Insomma, a piccoli passi il governo cinese è da poco entrato in quella che Giuseppe Conte definirebbe “fase 3”, ovvero la convivenza con il virus. Pechino ha avviato il rilancio industriale e si è muniti di validi strumenti per iniettare nuova fiducia in Borsa. Attenzione però: la ripresa non è omogenea. Ci sono alcuni settori economici che continuano a scontare il peso della pandemia. Tra questi troviamo il turismo, la ristorazione e l’intrattenimento. Il motivo è semplice: i cinesi sono tornati ad affollare le strade dell’ex Impero di mezzo ma, complici alcuni obblighi stringenti rimasti in vigore, la loro quotidianità è cambiata.

I settori più colpiti: ristorazione, intrattenimento e turismo

Innanzitutto non è ancora tempo di cene di gruppo e grandi abbuffate. I locali del mondo della ristorazione devono fare estrema attenzione a far rispettare le distanze tra un cliente e l’altro. I proprietari si ingegnano come possono: c’è chi riduce il numero dei tavolini e chi fa sedere uno, massimo due clienti, in una sola postazione.

L’intrattenimento è bloccato ancora più della ristorazione. Molti luoghi di ritrovo, come parchi di divertimento e discoteche, sono ancora chiusi. L’industria cinematografica è congelata; la Cina aveva provato a riaprire i cinema, salvo poi richiuderli in fretta e furia. Di concerti e manifestazioni sportive professionistiche non se ne parla nemmeno.

Arriviamo quindi al turismo, probabilmente il settore più colpito dalla pandemia ci nuovo coronavirus. A causa della chiusura delle frontiere di quasi tutti i Paesi del mondo, adesso è impossibile viaggiare per piacere. In attesa che la situazione torni alla normalità, le agenzie sono quindi ancora in letargo e gli hotel privi di clienti.

Una ripresa non omogenea

La ripresa, come abbiamo visto, è lenta anche se per la Cina il peggio sembra passato. A pensarla così è un discreto numero di analisti, a cominciare da Salvatore Graziano, direttore investimenti di Soldiexpert scf: “Alcuni investitori – spiega al quotidiano La Verità – guardano alla Cina come se a livello mondiale fosse potenzialmente il mercato con le maggiori possibilità dal punto di vista rendimento/rischio poiché ha già dovuto affrontare lo “tsunami” Covid-19 e perché il governo cinese è fortemente impegnato a sorreggere il mercato con misure straordinarie già avviate”.

Scendendo nel dettaglio, la Cina è un Paese fondamentale per moltissime aziende occidentali. Basti pensare che la sola Wuhan rappresenta, da sola, il 50% della produzione automobilistica del Paese e il 10% di quella mondiale. Il problema, come spiegato, è che non tutta la nazione si è risvegliata di colpo. Wuhan, ad esempio, è uno dei luoghi dove il virus fa ancora paura.

Per quanto concerne gli indici azionari cinesi, conclude Graziano “da inizio anno sono scesi di valori che oscillano tra il 7 e il 12%, che è comunque la metà dell’ indice mondiale e nella tabella sono presenti alcuni fondi o Etf, da valutare in una logica di diversificazione complessiva, che investono sulle azioni più importanti dell’ area cinese e asiatica o dell’ obbligazionario nella valuta cinese, lo yuan renminbi”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.