La Cina è stata la prima nazione ad essere colpita dal nuovo coronavirus e ora è anche la prima a esserne quasi uscita. Dando un’occhiata all’Asia, notiamo come vari Paesi siano pressoché riusciti a domare l’avanzata del Covid-19, e non tutti utilizzando necessariamente una quarantena stringata come Pechino.

In Corea del Sud, ad esempio, si è deciso di puntare sui tamponi a tappeto e sulla condivisione capillare degli spostamenti dei malati (riportati in specifiche applicazioni e siti). A Taiwan è stata allestita una macchina organizzativa invidiabile mentre il Giappone ha imposto poche regole ferree ma, almeno a giudicare dai numeri, efficaci. Discorso a parte meritano Hong Kong e Singapore le quali, date le loro dimensioni, sono riuscite a gestire ancora meglio la diffusione della malattia.

È dunque corretto dire che l’Asia ha vinto la guerra contro il coronavairus? Non ancora, e per due ragioni ben precise. La prima: non tutti sono riusciti a ottenere gli stessi risultati di Pechino. La seconda: i contagi di ritorno non solo fanno paura, ma potrebbero addirittura appiccare nuovi incendi.

Una vittoria di Pirro?

Negli ultimi giorni i numeri asiatici legati al contagio sono tornati ad aumentare. Secondo quanto riportato dal Financial Times i governi di Corea del Sud, Taiwan e Cina sono pronti a varare nuove misure di fronte a una seconda ondata di infezioni. A detta degli esperti, l’improvviso aumento dei casi sarebbe da collegare a limiti insiti nella strategia di distanziamento sociale portata avanti in quasi tutta l’Asia. Già, perché mentre i contagi interni sono tenuti sotto controllo, quelli provenienti dall’estero aumentano drasticamente.

Ben Cowling, professore di epidemiologia dell’Università di Hong Kong ha spiegato che le misure fin qui adottate hanno portato a “un successo temporaneo” e non certo a un “successo permanente”. Finché la situazione è dinamica, il virus non si propaga – anzi: i contagi diminuiscono – ma non appena torna la mobilità, le infezioni tornano a salire.

Le seconde ondate

Scendendo nel dettaglio, la Cina ha progressivamente rallentato le restrizioni dopo il blocco nazionale iniziato a dicembre (e culminato con il lockdown del 23 gennaio). Parallelamente il numero di casi di coronavirus importati è salito dai meno di 50 casi di due settimane fa ai 155 attuali. Le autorità hanno dichiarato che dall’11 marzo a oggi – cioè da quando l’Oms ha etichettato il virus come una pandemia – sono entrate in Cina circa 120mila persone al giorno. Pechino ha così imposto una quarantena obbligatoria di 14 giorni per tutti i viaggiatori, indipendentemente dalla storia dei loro viaggi e dalle loro condizioni di salute.

In Corea del Sud l’allarme viene da alcune strutture ad alto rischio, come le chiese e le case di cura. I funzionari sono si sono subito allarmati a causa di questi nuovi focolai, tanto da considerare le prossime due o tre settimane “cruciali” per capire in che direzione prenderà l’epidemia.

Taiwan sta chiudendo i confini a tutti gli stranieri e, allo stesso tempo, intensificando le misure di quarantena sui propri cittadini. A Hong Kong il 17 marzo il numero di nuovi casi è salito a 168. Un dato che fa riflettere è che il 90% degli infetti aveva viaggiato di recente. Anche Singapore, nonostante gli elogi ricevuti, si prepara a un incremento. “Prevediamo – ha spiegato il primo ministro Lee Hsien Loong – un numero maggiore di casi importati e, quindi, nuovi cluster e nuove ondate di infezione, questa volta provenienti da molti paesi anziché da uno o due”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.