Si rafforza l’ipotesi dell’origine naturale del ceppo virale che ha condotto all’attuale pandemia di Covid-19, iniziata in Cina per poi proseguire in Europa ed Occidente. Il coronavirus, secondo uno studio pubblicato su Nature Medicine, avrebbe infatti nel suo tracciato costitutivo chiare prove che ne attesterebbero la derivazione dai ceppi virali simili precedentemente identificati.

Lo studio dell’equipe di Nature pare escludere definitivamente l’ipotesi dell’origine di laboratorio del virus, che si era divisa nel filone dell’ipotesi di una mutazione del virus Sars sfuggita di mano e in quella, di matrice complottista, dell’arma biologica. L’analisi dell’equipe di cinque studiosi che ha condotto l’analisi parte da un presupposto fondamentale: l’ampiezza del campione di virus con cui comparare il Sars-Cov2, settimo coronavirus di questo tipo a colpire l’uomo.

Due predecessori (Sars e Mers) si erano dimostrati capaci di provocare patologie serie agli esseri umani, quattro invece (HKU1, NL63, OC43 e 229E) sono stati associati a sintomi più lievi. La genomica comparata dei virus e lo studio della possibile evoluzione del Sars-Cov2 sulla scia della selezione naturale ha guidato l’analisi contenuta nell’interessante articolo, che si basa principalmente sulle riscontrate capacità del virus di essere estremamente adattato a colpire determinati recettori nelle cellule umane.

La proteina spike di Sars-Cov-2, considerata il vettore del legame, si è adattata per colpire il recettore molecolare coinvolto nella regolazione della pressione sanguigna, Ace2, ma il suo impianto genetico differenzia notevolmente da quelli riscontrati in virus affini. Secondo i promotori dello studio, questo fatto sfata definitivamente l’opzione dell’ingegneria genetica, dato che qualsiasi processo materiale e artificiale destinato alla creazione di un nuovo coronavirus letale non avrebbe potuto esimersi dal lavorare sul tracciato genico di un virus affine.

Gli scienziati di Nature hanno trovato, piuttosto, affinità tra i virus analizzati a partire da campioni cellulari umani e quelli riscontrati in animali “incriminati” come vettore naturale, pipistrelli e pangolini in particolare. Questo ha convinto gli studiosi a mantenere valide tre opzioni per l’origine del ceppo virale che ha causato la pandemia globale. Nessuna di queste ha a che vedere con ipotesi di un’origine di laboratorio:

  • La prima opzione è che il virus si sia evoluto spontaneamente all’interno degli animali prima del passaggio all’uomo tramite un processo di zoonosi. Probabilmente di natura alimentare, per quanto la crescente promiscuità tra ambienti naturali ed umani nelle aree d’origine della pandemia, nell’Asia orientale, non porti a escludere altre opzioni.
  • La seconda presume una selezione naturale del virus dopo il passaggio all’uomo. Evidenze di questo tipo possono essere connesse al fatto che tra novembre e dicembre 2019, retrospettivamente, si sarebbe assistito a primi casi simili alla malattia Covid-19 in territorio cinese. Tali malattie potrebbero essere state un’avvisaglia di una successiva mutazione del coronavirus, che avrebbe prodotto l’attuale malattia dopo essersi trasmesso in forma più virulenta e, soprattutto, aver proliferato col contagio asintomatico.
  • Terza e ultima ipotesi è quella di una selezione di un ceppo di virus durante il salto di specie. Ovvero una certa massa critica di virus avrebbe acquisito la facoltà di legarsi alle cellule umane, risultando avvantaggiata sugli altri ceppi per la capacità di trasmissione.

Ottenere dati più approfonditi sulla presenza del virus negli animali potrebbe garantire, secondo gli autori del report, una maggiore certezza su quali di queste tre ipotesi, al momento tutte sul tavolo, sia da ritenere più plausibile. Quel che è certo è che l’analisi genetica non lascia scampo alle tesi complottiste e sfata anche l’opzione di una fuoriuscita di un ceppo modificato della Sars da un laboratorio di ricerca in Cina. Il Sars-Cov2 si è originato in natura per poi trasmettersi all’uomo con una catena che è ancora da decifrare: ed è nel comportamento del virus al passaggio che sta la chiave per capire l’origine della pandemia.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.