Società /

Ripenso alla frase di Indro Montanelli “Questo quotidiano nasce da una rivolta e da una sfida” stampata su una porta a vetri della sede del Giornale, e butto l’occhio sull’articolo di Mario Cervi per i quarant’anni dalla fondazione del quotidiano in cui egli narra la storia di giornalisti che hanno scritto la storia del giornalismo stesso. È ciò che Gli occhi della guerra sta facendo in questo momento, nell’anno 2017, un periodo storico sconvolto da avvenimenti drammatici e importanti. Gli state e gli stiamo rendendo onore, a Cervi, a Montanelli e a tutti coloro che nel tempo hanno sudato le proverbiali sette camicie per creare un quotidiano “diverso”, che navighi contro corrente e che si presenti come interessante per tutti, che non significa che a tutti debba piacere.

Provavo una gioia convulsa, un’euforia tutta nuova mentre mi avvicinavo alla Fabbrica del vapore colsole battente sul capo. Temevo di essere solo un candidato, che di lì a poco non sarebbe stato selezionato, eppure mi sono ricreduto: il Reporter day, e ciò che ne seguirà, ha dato e sta dando la possibilità a tutti noi di esser protagonisti della nostra vita, avendo per noi il giornalismo questa importanza.

Durante la premiazione pensavo a quanto avrei voluto chiedere ai giudici, che mi hanno esaminato il giorno prima, sulla loro vita e su come fare per riuscire a vivere a pieno il giornalismo, che per me non è un lavoro, bensì, prima di tutto, la mia più grande passione. In un certo senso mi mangiavo le mani. Ma oggi, a giorni di distanza, mi rendo conto che non tutto poteva esser spiegato a parole, poiché molto andava letto negli occhi dei presenti.

Viene chiamata “esperienza”, ma so che è stato molto di più sebbene non conosca il termine adatto per definirla. So però che aver discusso di giornalismo con personaggi del calibro di Vittorio Macioce e Marco Maisano ha confermato in me la voglia (quasi necessità) di seguire il mio cuore portando avanti questa mia passione. E che le parole del direttore Sallusti, sul tener duro, non farsi scoraggiare e seguire il proprio istinto, rappresentano la bussola per me e per chiunque altro voglia fare del giornalismo e della scrittura la propria vita.

Non sono stato selezionato, quindi non ho vinto. Ma sono tornato a casa con un tesoro, che è una certezza: questo lavoro è la mia vita.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.