Ad ogni strage, ad ogni massacro compiuto dagli uomini del sedicente Stato islamico, ecco che compaiono le immagini di propaganda sul web. I social jihadisti vengono seguiti e curati fin nei minimi dettagli da cybercaliphate, il gruppo di hacker e informatici dell’Isis. Ragazzi e ragazzini che hanno spesso studiato in Occidente e che ora mettono le proprie competenze a servizio delle bandiere nere.Per approfondire: Come funzionano i video dell’IsisSubito dopo la strage di Orlando, sono comparse sul web numerose immagini per sostenere la “giusta causa” dell’attentato, come spiega Daniele Ranieri su Il Foglio di oggi: “Tutta questa propaganda ha un filo conduttore: è destinata a un ideale ‘eroe solitario‘ che non è riuscito a raggiungere il territorio dello Stato islamico e si trova ancora in occidente. Il gruppo terrorista crede nella necessità storica di compiere stragi in Europa e in America“. Il motivo di questo disperato colpo di coda è semplice: le bandiere nere stanno perdendo terreno.Gli analisti sono concordi nel notare un doppio binario seguito dai terroristi del sedicente Stato islamico per compiere attentati in Occidente. Il primo è quello di creare un network di jihadisti che siano in grado di agire in gruppo e che siano addestrati a portare il terrore, attraverso azioni ben pianificate, contro i nostri Paesi. Il secondo, invece, è quello di affidarsi ai cosiddetti “lupi solitari“, anche se, come abbiamo scritto su queste pagine, sarebbe forse meglio parlare di “cigno nero“.Per approfondire: L’evoluzione del terrorismo individualeSubito dopo l’attentato di Orlando, i simpatizzanti dell’Isis si sono subito attivati sui social, creando il flyer di un ipotetico film con protagonista Omar Mateen, il killer del locale gay: “Un conto salato, l’America paga il prezzo”.CatturaLa gran parte della propaganda è stata diffusa da uno dei principali canali dei jihadisti del sedicente Stato islamico: Asawirti media.AsawirtiCome spiega Il Foglio, “lo schema della propaganda è per lo più lineare: foto di un combattente in posa virilmente solitaria sovrapposta a qualche simbolo dell’occidente messo lì a rappresentare il bersaglio: il Campidoglio americano, il Colosseo, la torre di Pisa, la torre Eiffel. A volte l’uomo ha un fucile d’assalto, altre volte un coltello, altre una cintura esplosiva. Lo scopo della campagna è provocare una rappresaglia per fermare le operazioni militari contro lo Stato islamico, e in questo senso è descritta come una campagna di attentati di difesa (‘lo faccio per quello che succede in Siria’, dichiarano gli attentatori)”.what-isis-is-saying-about-the-orlando-shooter-body-image-1466011228Questa tecnica è stata utilizzata anche dopo gli attentati di Parigi. I miliziani si stagliavano sullo sfondo della Torre Eiffel e minacciavano nuovi attentati. Tutt’attorno a loro, fuoco e bombe. Sulla cima della Torre, invece, sventola la bandiera dell’Isis.ParigiMa queste immagini sono state utilizzate anche dalla propaganda dell’Isis per difendere la propria ideologia contro gli “invasori” e contro i “nazionalisti” che non vogliono accettare l’idea di uno Stato islamico che vada oltre i confini nazionali dei Paesi. Non a caso, uno dei primi atti di propaganda degli uomini del Califfato è stato la diffusione di un video in cui si mostrava l'”abbattimento” dei confini di Sykes-Picot tra Iraq e Siria.2ECC162D00000578-0-image-a-32_1448455501079Come avrete notato, spesso le immagini proposte in questo articolo hanno il logo di Site, l’agenzia di intelligence di Rita Katz. Un’agenzia parecchio discussa e dalla quale passano spesso informazioni di tipo politico volte ad orientare l’opinione comune.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.