Dopo il pasticcio del falso allarme alle Hawaii, un nuovo (e potenzialmente fatale) errore del sistema di sicurezza americano. Un dipendente della Cnn, lo scorso dicembre, avrebbe infatti trovato nella tasca di un sedile di un aereo commerciale il piano antiterrorismo del governo statunitense per il Super Bowl, uno degli eventi più attesi e partecipati dagli statunitensi. I documenti, secondo quanto fa sapere la tv americana, sono stati diffusi solamente oggi, ovvero il giorno dopo la gara sportiva, su richiesta del governo.

Nelle 78 pagine del documento, viene presa in esame l’ipotesi di un attacco all’antrace e, attraverso diverse esercitazioni, vengono indicati i punti di vulnerabilità del Paese. Insieme ai documenti c’erano le carte d’imbarco di Michael V. Walter, uno scienziato che, dal 2009, lavora per BioWatch, il programma del Dipartimento per la Sicurezza interna incaricato di mettere a punto la risposta al terrorismo chimico.

Nel suo profilo LinkedIn, ora irraggiungibile, Walter scrive di essere il responsabile dello sviluppo e della gestione di un budget che ha raggiunto 90 milioni di dollari e di dirigere uno staff di oltre 50 persone.

Walter, inoltre, avrebbe ricoperto anche incarichi con la Cia e il Naval Surface Warfare Center e avrebbe oltre 20 anni di esperienza nella ricerca sulla guerra biologica. Un professionista, insomma, che però commette errori simili.

Tyler Q. Houlton, portavoce del Dipartimento, ha spiegato che “le esercitazioni sono state un successo”, ma Juliette Kayyem, ex funzionaria della Sicurezza interna e oggi consulente per la Cnn, ha precisato che dimenticare quei documenti “è stato un errore davvero stupido”, la cui “più grande conseguenza è, oltre a rendere note al nemico “le nostre vulnerabilità”, la perdita di “fiducia” nel governo federale e nella sua capacità di affrontare le sfide poste dal terrorismo.

In vista del Super Bowl, il governo americano ha organizzato due imponenti esercitazioni (a luglio e novembre) durante le quali veniva simulato un attacco chimico attraverso l’uso dell’antrace. Due esercitazioni durante le quali erano emerse anche numerose criticità, dovute soprattutto all’impreparazione per un evento simile. 

 

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.